Il Sacro e il Profano

The Sacred and the Profane 01
Con questo articolo mi piacerebbe raccontarvi qualcosa sulla Sicilia, la mia regione natale. E vorrei farlo presentando uno dei miei progetti preferiti, Il Sacro e il Profano, realizzato nel 2010 a Palermo, la capitale di questa assolata isola. Nonostante abbia visitato Palermo solo per un paio di settimane (io vivevo nella parte opposte della Sicilia) ricordo ancora quel periodo come un meraviglioso e variopinto sogno. Ci sarebbe molto da dire sulla Sicilia, sul suo bellissimo mare, sui grandiosi paesaggi e sugli abitanti gentili e ospitali. Ma preferisco lasciare che le immagini parlino per me e raccontino parte di questa storia.

DESCRIZIONE PROGETTO

Palermo, Luglio 2010, periodo dei festeggiamenti alla patrona Santa Rosalia (“u fistinu”). Un attento giro tra i quartieri più significativi della festa rivela la fortissima devozione degli abitanti nei confronti della Santa Patrona e una grande fede religiosa. Improvvisati altarini di santi, lumini, fiori, immagini di parenti defunti appaiono dappertutto, nei luoghi più improbabili, e accompagnano silenziosamente le vicende quotidiane dei Palermitani, fino a confondersi e a “sparire” nello sfondo di questo meraviglioso teatro di vita, ricco di forti suoni, odori e sapori che destano forti emozioni.

In quanto siciliano, io stesso so bene quanto la fede accompagni e condizioni qualunque aspetto della nostra vita; “Il Sacro e il Profano”, appunto, cerca di comunicare, attraverso la metafora per immagini, come l’antica tradizione abbia fatto sì che tutto ciò avvenga ormai tanto inconsapevolmente da creare situazioni che stanno al limite tra l’ironico e il grottesco.

The Sacred and the Profane 06

The Sacred and the Profane 12

The Sacred and the Profane 03

The Sacred and the Profane 05

The Sacred and the Profane 04

The Sacred and the Profane 11

The Sacred and the Profane 02

The Sacred and the Profane 10

The Sacred and the Profane 09

The Sacred and the Profane 07

The Sacred and the Profane 08

All photos and texts are copyrighted by Marco Ristuccia. All rights reserved.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *